Il porto di Salerno inserito da Hapag Lloyd nella linea container con il Sud America

Il porto di Salerno inserito da Hapag Lloyd nella linea container con il Sud America

Il Sud Italia dalle prossime settimane avrà a disposizione un nuovo collegamento di linea regolare per il trasporto via mare di container da e per il Sud America.

La compagnia di navigazione Hapag Lloyd ha infatti reso noto che dal 20 marzo prossimo Mediterranean – South America West Coast (Msw) Service beneficerà di un aggiornamento che prevede l’aggiunto di uno scalo nel porto spagnolo di Vigo (per servire meglio e più velocemente il nord della Spagna e il Portogallo) e di una toccata anche nel porto di Salerno (presso il Salerno Container Terminal)per ampliare la copertura del mercato italiano da nord a sud. Oltre a ciò il global carrier tedesco ha informato che invece il porto di Tangeri sarà servito solo in transhipment perchè non è più incluso nella rotazione.

Rotazione che ora prevede approdi a Malaga, Valencia, Civitavecchia, Salerno, Genova, Livorno, Barcelona, Caucedo, Cartagena, Buenaventura, Paita, Posorja, Guayaquil, Manzanillo, Puerto Limon, Cartagena, Vigo e nuovamente Malaga.

L’aggiutno di una toccata a Salerno nel servizio Msw potrebbe non essere l’unica novità interessante per il liner tedesco in Italia nel prossimo futuro.

Intervenuto in vista dell’arrivo di una prima nave di Cosco da 20.000 Teu nel porto di La Spezia (dove è attesa il 21 marzo prossimo), Bruno Pisano, in rappresentanza della Community portuale di La Spezia, ha dichiarato che questa importante novità della shipping company cinese potrebbe essere seguita da un’altra da parte della compagnia di navigazione con ede ad Amburgo. “La scelta della compagnia Cosco, così come un analogo interesse da parte dell’Hapag Lloyd – ha affermato Bruno Pisano – rappresenta un’opportunità che non può non essere colta, anche per l’effetto traino che potrebbe innescare nel processo di rilancio di traffico nel porto di La Spezia. E non è uno slogan affermare che la Community del porto torna a compattarsi nella convinzione, certificata dal mercato, che La Spezia possa e debba svolgere un ruolo importante sulle rotte dei container e al servizio dell’economia nazionale”.


QUI l’articolo originale

Condividi questo post